Lo psicologo a fianco dei docenti nelle scuole. Ecco i risultati

Con 'Punto di vista: l'operatore a scuola' gli operatori Promeco hanno incontrato 9000 studenti delle scuole di primo e secondo grado del distretto Centro-Nord

di Simone Pesci

Quando si uniscono le forze e si lavora con tanta dedizione può capitare che un progetto diventi “senza falsa modestia un fiore all’occhiello a livello regionale”. Quello a cui fa riferimentoMassimo Maisto è ‘Punto di vista: l’operatore a scuola’, un progetto – dal costo di 115mila euro – che ha unito le energie di Servizio Giovani, Promeco, Osservatorio Adolescenti, Azienda Ausl nei tre distretti socio-sanitari e la cooperativa Piccolo Principe.

In sostanza è stata garantita la presenza settimanale di un operatore – psicologo o educatore – che affianca i docenti nei percorsi educativi delle classi; interviene in situazioni problematiche specifiche; offre attività strutturate di consulenza a studenti, insegnanti, genitori facendo da tramite, qualora fosse necessario con i servizi territoriali specialistici.

Il piano è stato attuato nell’anno scolastico 2017-2018 e, per quanto riguarda esclusivamente il distretto Centro-Nord, ha interessato circa 9000 studenti delle scuole di primo e secondo grado con una copertura pari al 77%. Circa 2000, invece, sono le ore che gli operatori di Promeco hanno passato all’interno degli istituti per parlare con i ragazzi, al fine di capirne le esigenze, sostenerli nei momenti di potenziale difficoltà e per accompagnarli fuori dai piccoli o grandi problemi adolescenziali.

Il lavoro ha previsto delle consulenze sia di gruppo che individuali, anche nei confronti delle famiglie e degli insegnanti, perchè come spiega Sabina Tassinari (Promeco) è emerso che bisogna lavorare molto anche “sulle relazioni fra gli adolescenti e gli adulti di riferimento”.

Gli adolescenti sono sotto la lente d’ingrandimento, a maggior ragione nel distretto Centro-Nord, dove la fascia di popolazione compresa fra i 13 e i 19 anni è appena il 4.8%, rispetto al 5.1% del Sud-Est e al 5.7% dell’Ovest. “I giovani sono un bene preziosissimo della società moderna, nel nostro distretto ancora di più perchè l’indice di vecchiaia è altissimo non tanto per il numero di anziani, ma per la mancanza di giovani” puntualizza Renato Cardelli, direttore del distretto Centro-Nord dell’Ausl. Come azienda sanitaria, scopo principale è, quindi, anche quello di cercare di stoppare sul nascere potenziali stili di vita negativi e promuovere quelli corretti: “Questo importante programma rientra nel più ampio piano regionale della prevenzione” rivela Sandro Guerra, direttore del Dipartimento cure primarie dell’Ausl

Punto di Vista offre sia una consulenza di gruppo che individuale. Nel primo caso – in collaborazione con insegnanti e allievi ‘anziani’ nel ruolo di tutor – particolare attenzione viene riservata alle classi prime per prevenire situazioni di disagio relazionale, esclusione e prevaricazione. Interventi mirati sono dedicati a temi quali affettività, alimentazione, comportamenti a rischio. Altrettanto importante il lavoro dedicato alla formazione dei docenti e dei genitori per attivare spazi di confronto che facilitino la gestione di eventuali conflitti indotti dalla socializzazione individuando spazi entro i quali confrontare i rispettivi stili educativi. A sua volta la consulenza individuale offerta da Punto di Vista è rivolta a insegnanti (135), genitori (105) e allievi (241) che, specialmente nel ciclo delle secondarie di II grado, dimostrano maggiore necessità di interlocuzione con l’operatore.

Per gli adolescenti risulta evidente l’importanza riservata ai rapporti interpersonali: un ragazzo su tre (32.9%) chiede aiuto su questo tema mentre minori ma comunque rilevanti le richieste d’aiuto dedicate al rendimento scolastico (19.5%) e al rapporto con i genitori (15.4%). Da non sottovalutare, specialmente se vista nell’ottica dell’abbandono scolastico, la percentuale di quanti (12.7%) si pongono il problema della demotivazione allo studio.

Se i ragazzi hanno come priorità la relazione interpersonale risultano evidenti quanto sia difficile per i genitori trovare un linguaggio comune con i figli (41.3%) e con la scuola in special modo per quanto riguarda il rendimento scolastico e il comportamento.

Un problema, quello del confronto, a cui non sfuggono gli insegnanti. Il 73.4% di loro si trova in difficoltà nell’affrontare comportamenti a rischio, demotivazione allo studio, disagio psichico e di apprendimento degli studenti. Percentualmente minori ma significativi i dissidi interni alla scuola e sulla didattica mentre almeno un quinto del corpo docente segnala difficoltà nei rapporti con le famiglie.

“Con le nostre azioni il tentativo è fare in modo che i ragazzi abbiano attorno a loro adulti che siano in grado di sostenerli, in maniera tale che abbiano anche un concetto di salute diverso” si accoda Alberto Urro, referente Promeco Ausl. “L’unione credo sia stata la scelta vincente di questo progetto” ci tiene invece a precisare la dirigente di Servizio Lara Sitti.

Parte integrante di ‘Punto di vista: l’operatore a scuola’ è stata la cooperativa Piccolo Principe, come dicono gli operatori Michele D’Ascanio e Tanja Bettoli: “Il progetto e la relazione con Promeco rispecchiano le nostre mission. La sfida è raccogliere il confronto per definire da che parte muoversi e aiutare gli operatori a tradurre questo per le pratiche quotidiane”.

Follow by Email
Facebook
Facebook
Twitter
LinkedIn